Attendere prego...

Archivio News

Serie B maschile

Cus Geas Milano-Varese Olona 8-9

  Pubblicato il 11 Feb 2018  08:02
CUS GEAS Milano: Guasto, Sciarrone (2), Giusti, Delle Monache, Arena, Anesini, Campagnoli (1), Talamonti
(3), Andaloro, Foroni (1), Corradini, Anelli, Gobbi (1).
Arbitro: Di Grazia Roberto
Note: Nessuno uscito per limite di falli. Espulsione definitiva per Sciarrone (CGM)
 
IL COMUNICATO DEL CUS GEAS MILANO
Non giriamoci intorno: la sconfitta di questa sera contro il Varese Olona Nuoto è stata un duro colpo per le modalità in cui è maturata. In un Centro Saini un po’ meno pieno della scorsa partita è andata in scena una partita combattuta, giocata alla pari da due squadre ben costruite.
Il CUS GEAS sa di poter vincere questo scontro, ma sa anche di avere tanto da perdere e da dimostrare dopo due pareggi esterni che hanno lasciato un po’ l’amaro in bocca.
Pronti via e, manco a dirlo, Ferreccio (con una palomba) e Birigozzi portano il Varese avanti. La reazione dei milanesi non tarda ad arrivare, e il primo tempo si chiude col punteggio in parità (2 a 2).
Nella seconda frazione gli attacchi di entrambe le squadre fanno ammattire le difese avversarie: tanti gol, molti errori da entrambe le parti. Le decisioni dell’arbitro Di Grazia cominciano a pesare molto sugli equilibri della partita: Campagnoli (CGM) si guadagna un dubbio rigore, che Sciarrone (CGM) realizza partendo in anticipo. L’arbitro convalida, fra le giuste proteste della panchina del Varese: si arriva alla fine del secondo tempo con il CUS GEAS avanti per 7 a 6.
Il cambio campo fa bene ad entrambe le difese, che si assestano: solo Talamonti (CGM, 3 gol per lui stasera) dal palo e Spoto (VON) riescono a trafiggere il portiere avversario.
Nell’ultimo tempo succede proprio quello che andava evitato: i milanesi sprecano 4-5 palloni buoni per chiudere la partita, il Varese rimane lì e ad 1’50” dalla fine si porta in parità grazie al gol di Violini (VON), bravo a sfruttare l’errore in copertura di Giusti (CGM).
A 36” dalla fine coach Catalano chiama il time-out per il CUS GEAS, per giocare l’ultimo possesso partendo da schierati. La squadra di casa non riesce a concretizzare, e il Varese riparte in controfuga.
L’allenatore Cattino (VON) chiama a sua volta time-out, ma né l’arbitro né la giuria se ne accorgono: lo fanno solamente 10” più tardi, quando ormai il giocatore del Varese ha provato il tiro della disperazione da oltre metà campo. Contro ogni logica Di Grazia lo concede anche se il possesso era ormai nelle mani del CUS GEAS Milano.
Riprende il gioco e succede l’impensabile: da schierati, a 5” dalla fine della partita, Delle Monache (CGM) e Corradini (CGM) si scambiano l’uomo, per garantire la copertura del Centroboa Marino (VON) da parte del nostro marcatore titolare. Durante lo spostamento (folle) il Varese batte, passando la palla al palo che completamente solo supera Guasto (CGM), incolpevole.
Termina così una partita giocata male dalla squadra di casa, con troppi errori individuali, scarsa convinzione e concretezza proprio nel momento in cui la partita andava chiusa. Merito al Varese Olona Nuoto per essere stato capace di sfruttare le disattenzioni e aver tenuto botta fino all’ultimo.
Va segnalata in ogni caso la pessima conduzione di gara da parte dell’arbitro Di Grazia: in un girone come il nostro in cui le partite si decidono spesso solo per un gol di scarto, la sua prova è da considerarsi insufficiente. Troppe decisioni errate da entrambe le parti, decisioni che vanno ben oltre il singolo metro di giudizio: c’è un regolamento, perché non applicarlo? Il CUS GEAS Milano non ha assolutamente perso per colpa dell’arbitro così come il Varese Olona Nuoto non ha vinto solo grazie alla sua conduzione, ma questa sera Di Grazia non si è dimostrato all’altezza di una partita di serie B.
Sabato prossimo il CUS GEAS Milano andrà in trasferta a Padova per affrontare la Mestrina, reduce da un pareggio contro il Nuoto Club Monza ma davanti ai milanesi in classifica. Obiettivo: mettersi al più presto questa sconfitta alle spalle.
Un grazie ai nostri tifosi (grandi e piccoli) che sono venuti a tifare per noi!
 

Inviaci un tuo commento!

(la tua email email non verrà pubblicata nel sito)
I dati personali trasmessi saranno trattati direttamente da A.S.D. WATERPOLO PEOPLE quale titolare del trattamento ed esclusivamente per lo scopo richiesto garantendo la riservatezza e la sicurezza dei dati.

I dati personali saranno conservati solo il tempo esclusivamente necessario. Ogni interessato può esercitare il diritto di avere informazioni sui propri dati ai sensi dell'art. 7 dlgs 196/2003.

La preghiamo quindi di fornire il suo consenso al trattamento dei dati cliccando sull'apposito riquadro.

* campi obbligatori
Attendere prego...

Grazie della collaborazione!
Il tuo commento è stato registrato in archivio e sarà visibile nel sito dopo l'approvazione amministrativa.

Ok