Attendere prego...

Archivio News

A1 Maschile

Brescia-Lazio 15-9

  Pubblicato il 12 Mag 2018  12:34
(4-3, 4-3, 1-2, 6-1)
Brescia: Del Lungo, Guerrato 2, Presciutti C. 1, Manzi 1, Paskovic 1, Rizzo 1, Muslim 2, Nora 3, Presciutti N. 1, Guidi, Janovic 2, Vukcevic 1, Morretti. All. Bovo.
Lazio: Correggia, Tulli, Colosimo, Spione 2, Gianni 2, Di Rocco 3, Giorgi D., Cannella 1, Leporale 1, Vitale, Maddaluno, Ferrante, Mariani. All. Sebastianutti.
Arbitri: D'Antoni e Zedda.
Superiorità numeriche: Brescia 6/8, Lazio 2/6.
Note: nessuno uscito per limite di falli.
 
IL COMUNICATO DEL BRESCIA
Vittoria sofferta più del dovuto ma, viste le premesse, poteva anche essere messa in conto: a Mompiano, nella penultima giornata della fase regolare, l’An Brescia supera 15 a 9 (4-3, 4-3, 1-2, 6-1, i parziali) una coriacea Lazio Nuoto, e ora i pensieri si proiettano sempre più sulla Final Six di Siracusa. Reduce da quattro partite della massima importanza e con coefficienti di difficoltà dei più alti (nell’ordine, Sport Management, Barceloneta, Pro Recco e Waspo Hannover), e con tre giorni di pesanti allenamenti insieme all’Hannover, l’An di oggi si è espressa al di sotto del proprio potenziale e la formazione di Sebastianutti è stata pronta a sfruttare i varchi lasciati aperti dalla retroguardia biancazzurra. Per tre quarti di gara, la Lazio, probabilmente favorita anche dal fatto di non avere particolari pressioni, ha tenuto testa al sette bresciano rimanendo saldamente in scia grazie al parziale vinto per 2 a 1 nel terzo tempo. Nell’ultima frazione, però, hanno risolto la fase di appannamento dovuta ai carichi di lavoro delle ultime settimane, e i conti si sono chiusi piuttosto in fretta in virtù del 4 a 0 (a segno, Janovic, Nora, Rizzo e capitan Presciutti) inflitto nella parte centrale del periodo. Sul 13 a 8, gli ospiti hanno provato a reagire con Di Rocco (con tre reti, miglior realizzatore insieme a Nora), ma lo stesso Nora e Vukcevic hanno ribadito il concetto. Pur nel quadro di una performance non brillante, più che buona la percentuale delle superiorità (6 su 8) da parte dell’An.
«Per più di metà gara – commenta Stefano Morretti, oggi in porta per quattro tempi -, abbiamo giocato malino, commettendo varie disattenzioni e senz’altro non alla nostra altezza. D’altronde ci può stare, arriviamo da partite molto impegnative e di grande importanza, seguite dal duro common training con l’Hannover. Insomma, di certo non eravamo al meglio. Nell’ultimo quarto abbiamo raddrizzato il tiro e tutto è filato liscio; ora la testa va alle finali, vogliamo dare il meglio».
 
IL COMUNICATO DELLA LAZIO
La Lazio Nuoto ha provato ad accontentare il suo mister facendo credere per tre tempi che il "miracolo" sportivo fosse possibile arrendendosi come prevedibile al Brescia, ma solo nel finale. Nella piscina di Mompiano la partita valevole per la 25^ di A1 finisce 15-9 per i padroni di casa. I biancocelesti, però, hanno dato del filo da torcere ai ragazzi di Bovo rispondendo colpo su colpo per tre tempi. La prima metà della gara è spettacolare con il Brescia che va all'intervallo lungo in vantaggio 8-6. In particolare per la Lazio da segnalare la prestazione di Luca di Rocco che terminerà la gara con una tripletta, ma è tutta la squadra ad offrire segnali confortanti. Le aquile vincono addirittura il terzo parziale per 2-1 (9-8 per il Brescia il totale) con i gol di Gianni e Leporale, in mezzo la rete di Guerrato. Sul più bello, però, il Brescia dilaga e condanna la Lazio a giocarsi i playout nell'ultimo week-end di maggio a Siracusa contro il Torino. Sabato 19 alle 15, invece, il saluto al Foro Italico contro Trieste.
Il tecnico della Lazio Nuoto, Claudio Sebastianutti: "E' la risposta che volevo, siamo pronti per affrontare i playout. I ragazzi ci stanno di testa, abbiamo sfiorato il miracolo. Poi è subentrata la stanchezza per la trasferta e l'impegno infrasettimanale. Sono convinto della forza della mia squadra, affronteremo il playout senza paura e a testa alta".
Il giocatore della Lazio Nuoto Luca Di Rocco: "Ci abbiamo provato, nel quarto tempo eravamo sotto di appena un gol e abbiamo sperato nel miracolo. Purtroppo però il Brescia ha avuto quel guizzo finale decisivo per ottenere il risultato. Felice per la tripletta, soprattutto perché realizzata in una piscina così prestigiosa, ma l'unica cosa che ho in mente adesso è il playout. Anche quest'anno giocheremo contro il Torino e vogliamo confermarci la loro bestia nera. Arriviamo a questo spareggio dopo aver conquistato pochi punti nel girone di ritorno, ma abbiamo sempre disputato buone partite. Avremmo voluto salvarci prima, ma siamo ottimisti".

Inviaci un tuo commento!

(la tua email email non verrà pubblicata nel sito)
I dati personali trasmessi saranno trattati direttamente da A.S.D. WATERPOLO PEOPLE quale titolare del trattamento ed esclusivamente per lo scopo richiesto garantendo la riservatezza e la sicurezza dei dati.

I dati personali saranno conservati solo il tempo esclusivamente necessario. Ogni interessato può esercitare il diritto di avere informazioni sui propri dati ai sensi dell'art. 7 dlgs 196/2003.

La preghiamo quindi di fornire il suo consenso al trattamento dei dati cliccando sull'apposito riquadro.

* campi obbligatori
Attendere prego...

Grazie della collaborazione!
Il tuo commento è stato registrato in archivio e sarà visibile nel sito dopo l'approvazione amministrativa.

Ok