Attendere prego...

Archivio News

Waterpolo People

Champions - Ultima giornata: Pro Recco en plein, Brescia e Sport Management terze nei rispettivi gironi

  Pubblicato il 15 Mag 2119  20:20
COSI' IN FINAL EIGHT (quarti di finale)
Pro Recco-Hannover
Jug-Ferencvaros
Barceloneta-Sport Management
Olympiakos-Brescia

Classifica finale girone A: Pro Recco 42; Barceloneta 31; Brescia 29; Ferencvaros 25; Dinamo Mosca 18; Eger 15; Steaua 6; Stella Rossa 0
Classifica finale girone B: Jug 32; Olympiakos 30; Sport Management 27; Szolnok 21; Jadran Spalato 18; Hannover 12; Mladost 11; Spandau 7
REGOLAMENTO: si qualificano per la Final Eight le prime quattro del girone 1 e le prime tre del girone 2 (Hannover qualificata di diritto quale società organizzatrice)
In neretto le squadre qualificate

Settima giornata di ritorno - Mercoledì 15 maggio
 
OLYMPIAKOS-SPORT MANAGEMENT 11-5
TABELLINO E CRONACA MINUTO PER MINUTO DELLA GARA SU
http://www.microplustiming.com/lenchampionsleague/indexCL_web.php?c=ASM&g=1&t=A01&gr=2&s1=OLY&s2=BPM&st=1&curDayWeb=15/05/2019
ATENE - Dopo una buona metà gara (4-4) la Sport Management sparisce dalla vasca del Pireo e prende sette gol uno dietro l'altro, tre in controfuga tutti firmati da Fountoulis. Sull'11-4 l'unico gol dei Mastini nella seconda parte di gara, realizzato da Mirarchi con l'uomo in più. Le cifre globali al tiro (15 su 31 per l'Olympiakos, 5 su 24 per la Sport Management) sono ulteriore testimonianza dela superiorità dei greci.
La sconfitta non macchia la fantastica Champions giocata finora degli uomini di Baldineti, ma fa perdere ai gialloblu il secondo posto nel girone e la possibilità di affrontare il Brescia (terzo nel girone A) in un derby tutto italiano in Final Six. Nei quarti di finale, infatti, la squadra di Baldineti se la vedrà con il Barceloneta.
 
IL COMUNICATO DELLA BANCO BPM SPORT MANAGEMENT
Si chiude con una sconfitta l’avventura nella fase a gironi di Len Champions League per il Banco BPM Sport Management che cade nella vasca dei campioni d’Europa dell’Olympiacos Pireo, ma è uno stop indolore con i Mastini già qualificati alle Final Eight di Hannover. Ad ogni modo, in virtù dello stop subito in Grecia, i bustocchi scivolano al terzo posto nel girone B e ora nei quarti di finale di Len Champions League l’esordio per Busto Arsizio sarà quello contro la storica formazione spagnola del Barceloneta che ha chiuso il girone A al secondo posto alle spalle della Pro Recco.
LA GARA. Ancora sempre senza l’infortunato Luca Damonte (con i Mastini costretti a scendere in vasca in 12) la formazione ospite (che schiera in porta Nicosia dal primo minuto) tiene botta nel primo tempo, con l’iniziale vantaggio casalingo subito ripreso dalla risposta di Drasovic. Sul finire del primo tempo però l’Olympiacos torna davanti con Gounas che segna a uomini dispari, poi in avvio di seconda frazione la squadra padrona di casa allunga ancora con un gol a uomo in più e poi con il 4-1 firmato da Morukis. Busto però è in vasca pronta a vendere cara la pelle e in 4 minuti di autentico show offensivo i Mastini rimettono in piedi la gara: segna Fondelli, Luongo realizza il rigore e poi è Mirarchi a firmare dai 5 metri il pareggio che è anche il risultato con cui si va alla pausa lunga. Alla ripartenza però è l’Olympiacos a mettere definitivamente le mani sulla partita: i greci firmano un parziale di 7-0 a cavallo tra terzo e quarto tempo che chiude i conti, poi Mirarchi a un minuto dalla fine fissa il definitivo 11-5. Una sconfitta, come detto, indolore ora il sogno diventerà realtà e a giugno ad Hannover i Mastini saranno protagonisti della prima storica partecipazione alle Final Eight della massima competizione europea.
MARCO BALDINETI (allenatore Banco BPM Sport Management): “Abbiamo giocato molto bene due tempi, poi si è spenta la luce. Ora ci stiamo preparando anche per le Final Six scudetto, per la Final Eight di Champions League eravamo già qualificati e ci sta perdere a causa degli unici due tempi di autentico black out di tutta la stagione. Eravamo senza Lazovic anche se Nicosia ha prato molto bene e ci mancava anche un giocatore come Damonte che per noi è estremamente importante. Abbiamo lavorato forte anche stamattina e ripeto ci stava che finisse così anche se ovviamente non fa mai piacere perdere. Ora nei quarti affronteremo il Barceloneta un’altra partita impossibile contro un’altra favorita al titolo, ma speriamo che i ragazzi possano regalarci un’altra pagina di storia”.
Roberto Nardella
 
PRO RECCO-STELLA ROSSA 21-6
TABELLINO E CRONACA MINUTO PER MINUTO DELLA GARA SU
 
IL COMUNICATO DELLA PRO RECCO
La Pro Recco fa passerella a Firenze, batte la Stella Rossa per 21-6 e chiude il girone A in testa con quattordici vittorie in altrettante partite. È tutto esaurito alla Nannini nella quarta tappa della Champions League itinerante organizzata con la Rari Nantes Florentia. Nella piscina dei suoi esordi, c'è Tempesti a difesa della porta biancoceleste e l'avvio della Pro Recco è concentrato come richiesto da mister Rudic: la capolista chiude il primo parziale sul 5-1 con la doppietta di Filipovic. Nel secondo tempo salgono in cattedra i centri: apre Dobud e Kayes ne fa due a Todorovski, ma i serbi aumentano la loro pericolosità offensiva e gonfiano la rete tre volte. Al cambio campo le distanze rimangono così invariate: è 8-4 al suono della seconda sirena.
I campioni d'Italia, con Bijac in porta, dilagano nel terzo tempo: doppio Mandic e triplo Kayes, applaudito a scena aperta dal pubblico, creano il solco portando il risultato sul 13-5. C'è ancora tempo per ammirare una palombella magistrale di Di Fulvio e un tocco sotto misura di Ivovic nel 15-6 con cui le squadre si avviano all'ultimo quarto.
La Pro Recco macina gioco, chiude la saracinesca, trasforma tre rigori - cinque quelli totali assegnati ai biancocelesti - e supera quota venti per la felicità degli oltre mille spettatori. 
"Un buon test per dare minutaggio a chi ha giocato meno in stagione - commenta mister Rudic - in alcuni momenti abbiamo mancato di concentrazione ma è normale, ci siamo allenati duramente negli ultimi giorni. Adesso pensiamo alle finali, ad Hannover ci saranno grandi squadre come Olympiakos, Jug, Ferencvaros e Brescia che hanno esperienza di queste manifestazioni e sanno come vincere: per raggiungere il nostro obiettivo dovremo dare il massimo".
 
BRESCIA-STEAUA 13-9
TABELLINO E CRONACA MINUTO PER MINUTO DELLA GARA SU
BRESCIA - Il Brescia batte senza problemi la Steaua in una gara del tutto ininflluente. Lombardi terzi nel girone già prima di scendere in acqua, l'unico dubbio riguardava l'avversaria nei quarti di finale della Final Eight: Jug oppure Olympiakos? Il successo dei croati sullo Spandau ha tolto l'ultima incertezza, saranno i greci campioni d'Europa in carica i primi avversari dei lombrdi ad Hannover.
 
IL COMUNICATO DEL BRESCIA
Davanti al pubblico amico, un ottimo congedo dalla fase preliminare di Champions League: a Mompiano, nell’ultima giornata del girone A, l’An Brescia supera la Steaua Bucarest per 13 a 9 (4-3, 5-2, 2-0, 2-5, i parziali) al termine di un match che, seppur ininfluente ai fini della classifica (la vittoria del Barceloneta a Eger, aveva azzerato le possibilità di riguadagnare la seconda posizione), ha offerto emozioni e bei gesti tecnici. Con una situazione-infortuni piuttosto pesante, il compito dell’An non era dei più agevoli: anche la Steaua non aveva nulla da chiedere alla classifica, ma Presciutti e compagni volevano a tutti i costi fare bene di fronte ai propri tifosi, per altro accorsi in gran numero, e, con parte dell’organico alle prese con vari problemi fisici (Nicholas Presciutti e Nikola Vukcevic hanno presenziato in panchina senza mai entrare in acqua, Zeno Bertoli e Valerio Rizzo, son stati utilizzati anche se non in condizioni ideali), la contesa non si presentava proprio come una passeggiata. Però, come previsto da coach Bovo, l’approccio delle calottine bresciane è stato adeguato al contesto e, grazie al notevole spirito di sacrificio che ha prodotto una prova di sostanza da parte di tutto il collettivo (anche Stefano Morretti e il classe 2003, Giuseppe Garozzo, hanno dato il loro contributo), la gara è sempre stata saldamente nelle mani dei padroni di casa. La prima frazione è servita a prendere le misure ai rumeni poi, nella fase centrale dell’incontro, la c’è stata la risoluzione dei conti con la serie di cinque gol consecutivi (Valentino Gallo, da posizione due, Valerio Rizzo, dalla mano buona in superiorità, Petar Muslim, con una sassata da otto metri, capitan Presciutti, con una splendida palombella al volo, e Zeno Bertoli, a concretizzare una controfuga) che hanno spento le velleità degli ospiti. In vantaggio di sei reti all’inizio del quarto periodo, l’An ha (comprensibilmente) allentato la presa e la Steaua ne ha approfittato per ridurre il divario. Per quel che riguarda il cammino in Europa, ora la testa va al quarto di finale con i campioni in carica dell’Olympiacos (secondo del girone B), ovviamente nella speranza di recuperare in tempi brevi gli infortunati.
«Posso ritenermi soddisfatto della prestazione – dichiara il tecnico biancazzurro, Bovo -, a tratti ci siamo espressi bene in copertura, in altri momenti abbiamo fatto bene in attacco; insomma, è stato un buon test, il risultato non contava ma volevamo assolutamente chiudere in casa con una vittoria. Nel finale, da un lato, ci siamo un po’ rilassati, dall’altro, è venuta fuori un po’ di stanchezza: d’altronde, era abbastanza inevitabile, vista la fisicità degli avversari e con due pedine importanti come Nicholas e Nikola, che ho preferito lasciare a riposo. Comunque, infortunati a parte, la squadra sta bene, c’è la giusta fiducia: speriamodi risolvere al più presto i problemi fisici, magari già da sabato, perché sarebbe importante fare almeno una partita in condizioni normali, prima delle finali».
 
 
TABELLINI E COMMENTI DELLE ALTRE PARTITE SU
 
 
 

Inviaci un tuo commento!

(la tua email email non verrà pubblicata nel sito)
I dati personali trasmessi saranno trattati direttamente da A.S.D. WATERPOLO PEOPLE quale titolare del trattamento ed esclusivamente per lo scopo richiesto garantendo la riservatezza e la sicurezza dei dati.

I dati personali saranno conservati solo il tempo esclusivamente necessario. Ogni interessato può esercitare il diritto di avere informazioni sui propri dati ai sensi dell'art. 7 dlgs 196/2003.

La preghiamo quindi di fornire il suo consenso al trattamento dei dati cliccando sull'apposito riquadro.

* campi obbligatori
Attendere prego...

Grazie della collaborazione!
Il tuo commento è stato registrato in archivio e sarà visibile nel sito dopo l'approvazione amministrativa.

Ok